Visitare il Cenacolo Vinciano a Milano

Se intendete visitare Milano, una delle tappe d’obbligo è senza dubbio il Cenacolo Vinciano, una delle grandiose opere del genio toscano Leonardo da Vinci, ed uno dei dipinti murali tra i più importanti al mondo.

Visitare il Cenacolo Vinciano a Milano

Noi lo abbiamo visitato in un giorno infrasettimanale d’inverno nel quale abbiamo trovato un’ampia disponiblità negli orari di visita al museo. La nostra seconda volta, dopo quasi 20 anni dalla prima visita, è stata davvero un’emozione unica! L’Ultima Cena è un capolavoro che credo debba essere visto con i propri occhi almeno una volta nella vita.

Leonardo da Vinci

Leonardo da Vinci nacque il 5 aprile del 1452, vicino Firenze, nella piccola cittadina di Vinci, da una relazione illegittima tra il notaio Piero da Vinci e la sua amante Caterina Buti del Vacca, donna di umili origini. Il padre lo mandò a formarsi presso la bottega del Verrocchio, una delle più importanti di Firenze, dalla quale uscirono numerosi talenti tra cui il Botticelli e il Perugino.

Leonardo fù un’uomo dal grande ingegno e talento universale, giustamente considerato uno dei più grandi geni dell’umanità. Riuscì ad esprimersi nei campi più disparati dell’arte e della conoscenza. Fù tra le altre cose, scienziato, filosofo, architetto, pittore, scultore, matematico, inventore, ingegnere e musicista. Dopo una vita dedicata alle arti, morì il 2 maggio 1519, all’età di 67 anni, ad Amboise, in Francia.

Quando si nomina Leonardo da Vinci viene di certo in mente il ritratto che lo ha reso celebre nei secoli, ossia la Gioconda che noi abbiamo avuto il grande piacere di vedere durante la visita al Museo del Louvre a Parigi. Ma numerose sono le sue opere tra cui quella di cui vi parlo in questo articolo: l’Ultima Cena.

Visitare il Cenacolo Vinciano a Milano
Visitare il Cenacolo Vinciano a Milano

Visitare il Cenacolo Vinciano

L’Ultima Cena, nota anche con il nome di Cenacolo Vinciano, è una delle opere più conosciute sia di Leonardo da Vinci sia dell’intera pittura. E’ stata dipinta fra il 1494 e il principio del 1498 e si trova nell’ex refettorio del Convento domenicano di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L’imponente opera misura 460×880 cm, quasi cinque metri per nove, ed è stata realizzata con una singolare tecnica sperimentale: tempera grassa su intonaco, che ha permesso al maestro di ottenere risultati artistici spettacolari, ma ha anche reso l’opera fragilissima ed esposta al rischio di svanire per sempre.

Il dipinto venne commissionato a Leonardo da Vinci da Ludovico Sforza, detto il Moro, Duca di Milano, il quale aveva eletto la chiesa di Santa Maria delle Grazie, a luogo di celebrazione della casata Sforza.

Visitare il Cenacolo Vinciano a Milano il capolavoro di Leonardo da Vinci.
Visitare il Cenacolo Vinciano a Milano

Il grande dipinto murale si basa sul Vangelo di Giovanni e coglie l’attimo immediatamente successivo alle parole di Gesù: “in verità, in verità vi dico: uno di voi mi tradirà”. Queste parole scuotono le coscienze degli apostoli che reagiscono ognuno in modo differente.

La composizione è studiata per dare l’impressione di una scena viva ed integrata con la sala nella quale all’epoca dei fatti i frati si sedevano per consumare i loro pasti nel totale silenzio. Osservando il dipinto vediamo che attorno a Cristo si trovano i 12 Apostoli disposti in quattro gruppi di tre, diversi, ma equilibrati simmetricamente.

Notiamo Pietro, il quarto da sinistra, che con la mano destra impugna il coltello e con la sinistra scuote Giovanni. Davanti a lui, Giuda stringe la borsa con i soldi, Giacomo, quinto da destra, spalanca le braccia attonito, mentre vicino a lui Filippo porta le mani al petto, per la sua devozione e la sua innocenza.

Milano. La Visita al Cenacolo di Leonardo.
Visitare il Cenacolo Vinciano a Milano

Tre curiosità sul Cenacolo Vinciano

  • La tavola a cui siedono Gesù e gli apostoli, così come gli utensili e le tovaglie, sono stati dipinti prendendo come modello proprio quelli usati dai frati nel refettorio di Santa Maria delle Grazie; 
  • Dato che Leonardo si interessò anche all’astrologia e all’occultismo non stupisce che il Cenacolo possa essere letto anche come una rappresentazione del sistema solare e dello zodiaco, dove ogni apostolo è dipinto secondo le caratteristiche archetipiche del segno astrale a cui corrisponde. Così, ad esempio, l’apostolo Pietro è dipinto nella posizione di Giove e del Sagittario, Tommaso in corrispondenza del pianeta Mercurio e del segno della Vergine… ;
  • Nel suo viaggio in Italia durato due anni, Johann Wolfgang Goethe non apprezzò il capoluogo lombardo ma si innamorò del Cenacolo tanto da scriverne un’opera per celebrare Leonardo e il suo capolavoro.
Milano. Visitare il Cenacolo Vinciano.
Visitare il Cenacolo Vinciano a Milano

Il Cenacolo nella finzione letteraria

Una lettura romanzata e priva di fondamenta storiche è quella presentata dallo scrittore Dan Brown nel popolare romanzo Il Codice Da Vinci, nel quale si fantastica su un infondato riferimento esoterico del dipinto secondo il quale il discepolo alla destra di Gesù sarebbe da interpretare come una donna: Maria Maddalena.

Nella narrazione alcuni particolari del dipinto sono utilizzati per cercare di dimostrare che Maria Maddalena fosse la possibile amante di Gesù.

Di fronte al Cenacolo Vinciano

Sulla parete opposta alla celeberrima Ultima Cena di Leonardo da Vinci, all’interno del refettorio di Santa Maria delle Grazie potrete ammirare il lavoro più celebre di Giovanni Donato Montorfano:  la monumentale Crocifissione di Cristo.

L’opera, dipinta dal pittore lombardo con la tecnica dell’affresco, si è meglio conservata nel tempo rispetto al Cenacolo, ed è giunta così fino ai nostri tempi in buone condizioni di conservazione. L’affresco occupa l’intera parete e le tre lunette, all’interno delle quali si collocano i tre altissimi crocifissi vedono Cristo al centro e ai lati i due ladroni.

Milano. La Crocifissione di Cristo, opera di Giovanni Donato Montorfano.
Visitare il Cenacolo Vinciano a Milano

Peccato che durante la nostra ultima visita l’opera non fosse visibile perchè in restauro!

Visitare il Cenacolo Vinciano: come prenotare il biglietto

Per l’ingresso al Museo del Cenacolo Vinciano è obbligatoria la prenotazione che può essere fatta principalmente attraverso questi due canali:

La visita dura 15 minuti e l’ingresso avviene per gruppi contingentati di max 33 persone per ciascun turno di visita. Tutte le informazioni aggiornate, il costo dei biglietti d’ingresso e gli orari di apertura li trovate sul sito ufficiale del museo: cenacolovinciano.org.

La chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano.
Milano – Santa Maria delle Grazie

Dove si trova il Cenacolo Vinciano

L’Ultima Cena di Leonardo si trova all’interno del Museo del Cenacolo Vinciano, in Piazza Santa Maria delle Grazie 2, Corso Magenta 24, a Milano, ed è dipinto su una delle pareti interne dell’ex refettorio del Convento di Santa Maria delle Grazie.

Come raggiungere il Cenacolo Vinciano con i mezzi pubblici

Arrivare al Cenacolo Vinciano è semplice, in quanto Milano è ben servita dai mezzi del trasporto pubblico. Dalla centrale Piazza Duomo, con il tram linea 16. Si prende alla fermata in Via Orefici, 24 e si scende a S. Maria delle Grazie.

Dalla Stazione Centrale con la Metropolitana linea 2 (verde), fermata Cadorna e proseguendo poi a piedi per circa 700 metri. Dalla Stazione Milano Lambrate con il tram linea 19, fermata L.go D’Ancona da cui si raggiunge il Museo del Cenacolo camminando su Corso Magenta per 500 metri.

Chiesa di Santa Maria delle Grazie

Prima o dopo la visita al Museo del Cenacolo Vinciano vi consiglio di non perdervi la Chiesa di Santa Maria delle Grazie e il suo magnifico chiostro. Una chiesa meravigliosa, ricca di fascino e di storia, luminosa e molto ben tenuta.

L’altare con l’immagine della Vergine e il drappo blu incanta l’occhio, mentre la cupola del Bramante lascia a bocca aperta. Da vedere assolutamente, non ve ne pentirete!

La chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano.
Visitare il Cenacolo Vinciano a Milano
Visitare l'interno della chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano.
Milano – Santa Maria delle Grazie
Visitare l'interno della chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano.
Milano – Santa Maria delle Grazie

Siamo giunti al termine di questo articolo nel quale abbiamo scoperto assieme l’Ultima Cena, capolavoro di Leonardo e del Rinascimento italiano in generale.

E voi ci siete stati? Raccontatemelo nei commenti.

Curiosi di vedere qualche scatto dei miei viaggi? Allora seguitemi anche su Instagram viaggiaconflavio. Siete i benvenuti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *